Epilogo La collina degli eventi “Il Miramonti” racconta...
E oggi? Tra gli abitanti di Garessio circola ancora un’ antica leggenda, sostenuta, per altro con convinzione e fino alla sua morte avvenuta pochi anni fa, da Nello Briatore, più conosciuto come “o Grio” il grafologo e “mago dei poveri”. La leggenda racconta di una “maledizione” secondo la quale sarebbe destinato a fallire tutto ciò che, di non religioso, viene costruito in luoghi che sono stati occupati dai frati. I garessini, a conferma di ciò, portano come esempio i clamorosi insuccessi economici de “Il Miramonti”, di  “Valcasotto” e  di “Colle San Bernardo”. E c’è, tra loro, chi sostiene che, in certe notti, è possibile vedere vagare fra le rovine un monaco cappuccino, l’unico vero padrone del colle. Noi non sappiamo se è “maledizione” o incuria umana. Certo il colle, adesso, offre  di sé una visione spettrale. Tuttavia, anche nel suo attuale degrado, è testimone di secoli di storia che non possono e non devono essere cancellati dalla nostra memoria.
Facciamo in modo che tutti coloro che, d’ora in poi, passeggeranno ai piedi de “Il Miramonti” non vedano solo un rudere pericolante, ma possano ricordare quanta serenità, gioia, sofferenza siano scaturite, nel tempo, da quel luogo.
A seguire alcune fotografie che si commentano da sole!
Interni del 2012: scatti di Roberto Baccino
Interni del 2011: scatti di Monica Chiappara
Panoramiche del 2014: scatti di Elma Salvo
I nostri sopralluoghi: 2014, scatti di Baldo Russo
La collina degli eventi